Lavoro in quota by Area 81

Condividi con i tuoi amiciShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Un breve e semplice articolo riguardante le leggi che regolano il lavoro in quota. Scopri anche i nostri corsi lavoro in quota su www.sicurezzaperlavoro.it.

Cosa si intende per lavoro in quota? E’ vero che è obbligatorio il corso per lavorare in quota?

La formazione per le attività svolte in altezza, o meglio in quota, è obbligatoria quando i lavoratori si trovano a piu’ di 2 metri rispetto ad un piano stabile. Rientrano quindi tutti i lavori che fanno utilizzo di: scale, trabattelli, ponteggi, piattaforme elevabili, funi e altri sistemi che portano l’operatore in quota.

L’art. 77 del D.Lgs 81/08 impone al datore di lavoro l’obbligo di organizzare ed erogare ai lavoratori informazione, formazione e addestramento al fine di eliminare o ridurre i rischi di caduta nel vuoto. Superare i due metri di altezza rispetto al piano del pavimento o del suolo è molto frequente, soprattutto in attività di cantiere o all’aperto.

In quali casi è necessario il corso lavori in quota?

Sono moltissime le attività che portano i lavoratori in alto, così come è frequente vederli in quota senza alcuna protezione… Alcuni esempi di categorie maggiormente esposte alle cadute dall’alto:

  • operai edili (cantieri, rifacimento facciate)
  • elettricisti (cantieri, impianti elettrici e illuminazioni)
  • fabbri e carpentieri (parapetti, balconi, grondaie)
  • giardinieri (potature alberi alto fusto)
  • imbianchini (cantieri, imbiancamento facciate)
  • antennisti (sui tetti o in parete)
  • spazzacamini

Ricordiamo che l’obbligo di valutazione di tutti i rischi si estende ad ogni attività lavorativa, quindi spetta al Datore di Lavoro riconoscere altre situazioni dove, manifestandosi il rischio di cadere dall’alto, scatta la necessità di attuare le misure di prevenzione e protezione necessarie (es. fasi di rabbocco o carico o scarico di autocisterne, pulizia o manutenzione di silos e altri ancora).

Secondo gli art. 15 e 111 del Decreto 81 il Datore di Lavoro deve dare priorità ai sistemi di protezione collettiva (linee vita, piattaforme elevabili, trabattelli e ponteggi, parapetti), rispetto a quelli di protezione individuale (imbragature, funi e corde, cordini di posizionamento). Su questo aspetto il Testo Unico Sicurezza è molto chiaro e in piu’ articoli si ribadisce l’obbligo di proteggersi contro le cadute dall’alto.

Ci rendiamo conto tuttavia di molte situazioni dove, per consuetudine o semplice mancanza di informazione, gli addetti operano in condizioni di assoluta insicurezza, senza alcuna protezione, affidandosi allo “stare attenti” o confidando nella loro esperienza, o ancora nel piu’ subdolo “ho sempre fatto così”.

I corsi di formazione hanno lo scopo di sensibilizzare i lavoratori sull’utilizzo di questi sistemi, prima ancora di un utilizzo corretto. Il lavoratore deve convincersi sui reali rischi a cui andrebbe incontro a lavorare in quota senza l’ausilio dei sistemi di protezione.

Quali sono i contenuti e la durata dei corsi lavori in quota?

La formazione per gli operatori che lavorano in quota in sintesi riguarda:

  • la normativa vigente in tema di protezione dei lavoratori
  • i principali rischi per chi lavora in altezza
  • la corretta scelta del sistema di prevenzione e protezione
  • le caratteristiche dei dispositivi di protezione individuale
  • utilizzo e manutenzione dei DPI
  • procedure e manovre di primo soccorso e recupero in caso di infortuni

Ci sono sanzioni in caso di mancata formazione per gli addetti ai lavori in quota?

Il Datore di lavoro che affida ai propri dipendenti un lavoro in quota senza formazione e addestramento adeguati va incontro ad ammenda da Euro 1.315,20 a 5.699,20 (o arresto da due a quattro mesi).